L'antico centro storico e il Parco del Taburno rappresentano gli elementi più significativi di questo territorio. Da una parte la natura incontaminata della montagna, dall'altra il tufo con le sue case che ha assorbito la lunga storia di questo Paese e delle sue genti: oggi aspetta solo di poterla raccontare. Il comune è situato ad oriente del Monte Taburno il quale, a guisa di semicerchio, gli fa da corona. L'origine di Tocco è molto antica e risale ai Sanniti. Da scritti di Plutarco si evince che Tocco fu addirittura la "metropoli" dei Sanniti e dove, secondo Strabone, Solino e Giovio, questi solevano riunirsi per i consigli di guerra. Nell'anno 1183 subì l'assedio ad opera di Ruggero il Normanno, che se ne impadronì. Non è possibile rinvenire antiche testimonianze architettoniche in quanto il paese ha subito, nel corso dei secoli, terremoti di notevole entità, uno dei quali, nel 1456 lo rase al suolo. A causa di tale evento, Tocco perse importanza, grandezza ed autorità, tanto da diventare un umile casale a cui venne dato il nome di Tocco di Vitulano. Successivamente il tenimento di Tocco subì l'influenza dei baroni Della Ratta di Caserta e poi del marchese di Montecassino. Nel 1864, dopo la costituzione del regno d'Italia, a Tocco fu aggiunto l'appellativo di Caudio, per distinguerlo da Tocco degli Abruzzi. Dopo il terremoto del 1980, il Comune è stato ricostruito in toto in località Friuni.

Etimologia: Probabilmente la prima parte del nome deriva dalle parola osco-sannita Tuticus, da Touto, ossia città. La specifica fa riferimento, secondo alcuni, alla città di Caudium, praticamente situata nella zona dell'attuale Arpaia.

  • Popolazione Residente: 1533 (M 751, F 782
  • Denominazione abitanti: tocchesi
  • Sup. territoriale: 27,16 km2
  • Densità per Km2: 56,4
  • Comuni confinanti: Frasso Telesino, Sant'Agata De' Goti, Moiano, Bonea, Montesarchio, Cautano, Campoli del Monte Taburno, Bucciano
  • Cap: 82030
  • Prefisso telefonico: 0824
  • Indirizzo Municipio: Via Friuni
  • Codice ISTAT Dugenta: 062075
  • Codice catastale: L185
  • Santo Patrono: SS. Cosma e Damiano (27 settembre)
  • Contrade: Acquasanta, Aspro, Baracca, Capitino, Cesche, Chiano, Ciesco, Coppole, Cornito, Folletta, Friuni, La Pietra, La Riola, Le Martine, Lotola, Maione Lunardo, Maione Stingio, Monticella, Pantaniello, Paodone, Pretola, Ripoli, San Cosimo, San Gaudenzio, San Martino, Serra, Serratola, Sperara, Tasignano, Vigna, Vignali, Vocito
  • Chiese e altri edifici religiosi: Chiesa di San Michele Arcangelo Chiesa del SS. Corpo di Cristo, Chiesa dei Santi Cosma e Damiano, Chiesa di San Vincenzo Martire
  • Luoghi di Interesse: Pietra di Tocco con resti di muraglie
  • Piatti Caratteristici: Peperoni imbottiti.